Libera Locride. Il palcoscenico della legalità: progetto nazionale che accompagnerà i 100 passi verso il 21 Marzo

La possibilità di partecipare al progetto ‘il palcoscenico della legalità’ per le scuole della locride nasce, grazie alla spinta di Sabrina Garofalo, amica e ricercatrice presso l’Università degli Studi della Calabria e CROSS-Università di Milano, da una collaborazione dell’area formazione del nostro coordinamento con Co2 Crisis Opportunity Onlus – un’associazione che da oltre dieci anni opera in contesti di emarginazione, occupandosi di comunicazione sociale, costruzione di reti e progetti di promozione dell’impegno civile per studenti e ragazzi – e con i suoi partner sul territorio, tra cui Avviso Pubblico.

L’obiettivo,attraverso il linguaggio teatrale, è quello di sensibilizzazione e discutere insieme alle classi, non tanto del fenomeno della ‘ndrangheta che ci circonda, quanto delle dinamiche di potere che si instaurano all’interno di esso, riflettendo sul ‘come’ ed ‘in che misura’ ciascuno può fare la sua parte per il raggiungimento del bene comune.
Oltre alle classi selezionate per i laboratori con gli attori-formatori, tutti i ragazzi delle scuole della locride avranno la possibilità di vedere (nelle mattinate del 10-11 marzo al teatro di Gioiosa Ionica) lo spettacolo teatrale ‘Se dicessimo la verità’ di Giulia Minoli ed Emanuela Giordano, spettacolo seguito da un dibattito con attori, testimoni, protagonisti delle storie raccontate, parte integrante del progetto.

Dal 2012 ad oggi hanno partecipato al progetto più di 58.000 studenti delle scuole di tutta Italia e proprio in questi giorni inizieranno i laboratori che vedranno impegnate molte scuole del nostro territorio.

Oltre al progetto, all’interno del calendario dei ‘100 passi verso il 21 Marzo’, Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in Ricordo delle Vittime Innocenti delle Mafie. che quest’anno per i 25 anni di Libera ci vedrà riuniti a Palermo, lo spettacolo ‘Se dicessimo la verità’ avrà una serale con ospiti d’eccezione al teatro di Gioiosa Ionica nella serata del 10 Marzo.

Riteniamo che questo nuovo modo, di entrare in relazione con i ragazzi e fargli fare esperienza di alcune dinamiche, possa essere un utile accompagnamento al processo di memoria e riscatto che portiamo avanti nel territorio della Locride.
‘Le parole son finestre oppure muri’ diceva Rosenberg e questo progetto, attraverso il linguaggio teatrale, certamente ci aiuterà a spalancare finestre su concetti come giustizia sociale, comunità monitorante, etica collettiva. Ci auguriamo vivamente ci accompagni anche in una riscoperta, riflessione e riappropriazione del linguaggio come veicolo di gentilezza, opportunità e sana relazione in contrapposizione al linguaggio di violenza, d’odio, discriminazione e potere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *