Giustizia

Impegno per la giustizia sociale, per la verità, per il bene comune comporta un investimento sul piano educativo e culturale. Un investimento che si traduce in un impegno quotidiano che rifugge i gesti plateali e passioni effimere e richiede conoscenza, etica e servizio.

A partire dal lavoro nelle aule dei tribunali dove Libera si costituisce parte civile nei processi contro i grandi boss dove giovani e adulti con la loro presenza testimoniano vicinanza concreta ai familiari delle vittime innocenti delle mafie. Dalla corresponsabilità che si declina nei percorsi socio-educativi, rivolti ai minori dell’area penale esterna, dando loro una seconda possibilità. Dal servizio per un obiettivo comune: fare la nostra parte contro la corruzione.

Ufficio legale

L’ufficio legale di Libera ha l’obiettivo di fornire un servizio ai familiari delle vittime innocenti delle mafie assistendoli in tutte le fasi della richiesta di risarcimento danni, ai sensi della legislazione nazionale e regionale; ai testimoni di giustizia, alle vittime dell’usura e del racket, accompagnandoli sia nelle sedi amministrative che nelle sedi giurisdizionali. Si confronta anche con i funzionari del Ministero dell’Interno che gestiscono l’iter per il riconoscimento delle vittime della mafia, per l’accesso al fondo di rotazione ai sensi della legge n. 512/99 e ancora con il Comitato Ministeriale che si occupa dei Testimoni di Giustizia. Esamina le numerose e diverse problematiche che tanti cittadini sottopongono all’attenzione dell?associazione e, sulle questioni non strettamente connesse a fatti di criminalità organizzata, rende pareri e indirizza gli stessi cittadini a rivolgersi agli organismi preposti alla soluzione delle questioni che vengono, di volta in volta, sottoposte. Proprio perchè viene a conoscenza dei diversi problemi che incontrano sia i familiari delle vittime innocenti di mafie, sia i cittadini e gli imprenditori con problemi di estorsioni e di usura, i testimoni di giustizia, elabora anche proposte di modifica legislative riguardo la legislazione per il riconoscimento delle vittime di mafia e per i testimoni di giustizia.

La libertà non ha pizzo

Una rete solidale tra imprenditori e consumatori, sostiene le vittime del racket che hanno denunciato, accompagna le vittime alla denuncia, promuove il consumo critico e responsabile, sensibilizza e informa sull’antiracket, fa educazione e formazione nelle scuole e nelle università.

Civili di parte

Libera si costituisce parte civile nei processi contro la criminalità organizzata per tutelare gli interessi specifici e diretti dell’associazione poichè dai reati di mafia deriva una lesione di un diritto soggettivo dello scopo perseguito ledendo la personalità della stessa associazione.